Lettera aperta ai candidati del nuovo quadriennio olimpico

Cari candidati,

sono un piccolissimo Presidente di una società storica della Liguria che si affaccia per la prima volta ad un quadriennio olimpico. L’ espressione “quadriennio olimpico” suona ai miei orecchi come qualcosa di impegnativo e lontano, ma altresì stimolante e che richiama, me piccola società, a tutta la responsabilità che ognuno ha nel suo ruolo, grande o piccolo che sia.

Richiamata ad affrontare questi prossimi 4 anni con tutta la responsabilità possibile, mi sono accisa da mesi a preparare, per la mia Società, il piano quadriennale di sviluppo che presenterò in sede di Assemblea e che contiene  i nostri piccoli sogni,  le nostre scelte/proposte etiche su cui si fonda la “filosofia” societaria,  le nostre difficoltà,  i problemi da affrontare, in un processo di cambiamento radicale del sistema sportivo e del ruolo che lo sport ha nel contesto sociale locale, nonchè i percorsi per superare i punti debolezza e per attuare gli obiettivi che ci prefiggiamo.

Ora nelle pagine che devono ancor essere ultimate mancano a me gli elementi di connessione tra la mia piccola società, micro sistema di base ( zoccolo duro del sistema sportivo) e il macro sistema federale. Nei lunghi mesi di campagna politica, probabilmente non sono io brava a comprendere i linguaggi,  mi sono persa a cercare di capire quali sono le risposte che i diversi candidati propongono a me società di base,  quale relazione positiva possiamo instaurare. Ho imparato molto su la storia personale di ogni candidato e della sua squadra, sul quello che ha fatto, più spesso male, a detta di uno o dell’altro, ma non ho capito davvero quali relazioni positive possiamo intrecciare.

Io non ho atleti da olimpiade e quindi sono tagliata fuori da ogni macro ragionamento, ma mi piacerebbe essere strumento di aiuto alla crescita del sistema e del movimento dell’atletica.  Pertanto, miei cari candidati, chiedo a voi se potete indicare concretamente, e non esprimendo solo concetti macro e  proprio perchè tali apprezzabili, ma lontani ed inafferrabili, di individuare poche e chiare azioni concrete in cui macro e micro si incontrano e si aiutano in un sistema di reciprocità e di interscambio tra la parti.

Ringrazio se qualcuno vorrà aiutarmi a capire e mi scuso se sono stata poco capace di leggere e tradurre in azioni i programmi elettorali.

Filed under: News. Bookmark the permalink.

Una risposta a Lettera aperta ai candidati del nuovo quadriennio olimpico

  1. Angelo Angelo scrive:

    Lettera aperta “lecita” Presidente, speriamo raccolgano e rispondano.

Speak Your Mind